Browsing Tag

trans

Politica, Senza categoria, TEMPI MODERNI novembre 5, 2009

AMARE NATALIE

37564

In tutte le cene e i convegni amichevoli si discute di quello che avrebbe o non avrebbe dovuto fare l’ex-governatore Piero Marrazzo, inchiodato dai suoi ricattatori. Dalle mie parti, l’idea che va di più è che avrebbe dovuto sparare alto, ammettendo tutto, anche con un certo orgoglio, e dichiarando guerra agli infami. Una cosa alla Letterman, insomma. Facile a dirsi, meno a farsi, quando il mondo ti sta crollando addosso.

Io in questi giorni, invece, vedendo Marrazzo disperarsi e piangere, penso che il suo pianto non sia solo perché la sua carriera politica è finita, la sua immagine definitivamente deturpata e il suo matrimonio in bilico, ma anche perché -il che è quasi certo- ha definitivamente perso la bella Natalie, che doveva essere importantissima nella sua vita. Perché non avrà più questa sua seconda vita, non solo sesso ma anche una relazione affettiva profonda -forse il vero tabù, la cosa che non si può dire è questa-. Perché pian piano, con fatica, i pezzi della sua vita li rimetterà insieme. Ma questo pezzo gli mancherà per sempre. A meno di un sia pur tardivo scatto di orgoglio. Nel caso dovesse leggere qui, sappia che è ancora in tempo.

Donne e Uomini, Politica, TEMPI MODERNI ottobre 30, 2009

IN TRANSITO

(foto reuters)

(foto reuters)

Riproduco qui l’articolo pubblicato l’altro ieri sul Corriere, perché tanti non l’hanno letto e me lo chiedono.

Ricordate il vecchio Freud, di fronte al mistero delle “sue” isteriche? Che cosa vuole una donna? si lambiccava il cervello. Una risposta precisa non seppe trovarla neanche lui. Al tempo dei patriarchi la sessualità maschile era la norma, e quella delle donne un oscuro tumulto non autorizzato. Ma un uomo? Che cosa vuole, un uomo? verrebbe voglia di chiedergli oggi. Perché dei desideri delle donne ormai si sa tutto. Dalle autovisite in avanti, il mistero è stato pubblicamente scandagliato per almeno mezzo secolo. E i desideri degli uomini? Ecco, ti pare di avere proprio tutto: la vita che volevi, il lavoro, e poi la casa, il conto in banca, e la famiglia, i figli e forse –che esagerazione!- perfino l’amore. Poi un bel giorno, per ricatto o per puro caso, vieni a sapere di una certa Brenda o Nazaria o Wynona che come un’oscena badante si prende cura del padre dei tuoi figli. E all’epicentro del terremoto che fa crollare la tua vita perfetta, un maestoso fallo con cui non c’è possibilità di gara. Una nuova versione dell’invidia del pene? “A un’altra donna, tutto sommato, sei sempre pronta”, racconta una che c’è passata. “Soprattutto sui 50, quando diventano fascinosi e brizzolati e cominciano a tentennare. Sai che vanno in cerca di conferme. E se capita, dopo un po’ di purgatorio magari te li riprendi pure in casa. Ma così…” si mette le mani tra i capelli. “Ed era anche un mostro. Che cosa fai, con una rivale che ha il 44 di piede e siliconi della sesta?”. Il modello manca. C’è tutta una genealogia di tradite lacrimose a cui riferirsi quando si tratta “banalmente” di una donna: le madri, le nonne; le crisi di nervi della principessa Maria Stella Salina, quando il Gattopardo Don Fabrizio, stampatole un brusco bacio sulla fronte, lascia Donnafugata per una fuga in carrozza dalla sua favorita. Le convenienti ritrosie della moglie a cui tocca convivere con la lascivia autorizzata dell’amante. Una poligamia informale. Le cose andavano così, quando il patriarcato aveva dato al mondo il suo ordine: per quanto discutibile, almeno riconoscibile. Una saprebbe regolarsi perfino se l’altra fosse inequivocabilmente un altro. Ormai anche qui qualche precedente si è accumulato. Ti puoi anche disperare come Julianne Moore, moglie anni Cinquanta in “Lontano dal paradiso”, di fronte al coming out del tuo amato sposo, ma non puoi non comprendere. E dopo un ragionevole periodo di assestamento, se hai un’anima sufficientemente grande puoi anche continuare ad amare. Come una sorella. Non tutto è perduto. Ma di fronte a Brenda, Nazaria o Wynona ti va in pappa il cervello: che cos’ha? E’ gay? Non sta bene? O è semplicemente un maiale? Chi chiamo? L’avvocato, uno psichiatra o l’esorcista? Non è un caso, per quanto possa apparire pazzesco, che oggi la sessualità maschile sia diventata una questione politica. Il fatto è che si tratta davvero di una questione politica. Che cosa sono gli uomini, crollata la narrazione patriarcale? Su che cosa puntellano la loro identità se non possono più contare sul dominio delle donne? Che cosa ne è della loro maestosa cultura e del mondo che ci hanno costruito sopra, se le fondamenta sono piene di crepe? Non c’è proprio niente da ridere. La pochade della nostra trans-repubblica –ricatti, contro-ricatti, gente in mutande, partouze, mercimoni, filmini, escort che chiacchierano, mogli che sbarellano- è solo la divertente parodia. Sotto, le lugubri note di una danse macabre di fine civiltà. Questo delle trans non è solo un vizietto per potenti. Se una metà abbondante di chi fa il “mestiere” è pene-dotata, è perché esiste una corrispondente –e ipocrita- domanda da parte di un’enorme quantità di impiegati, ragionieri, amministratori di condominio, onesti padri di famiglia. Ok il seno e un nasino femminile, ma nessuna operazione definitiva. “Quello” lo si tiene, o si perderebbero i clienti che a quel punto si rivolgerebbero a “semplici” donne (e sai la noia…). “Perfino i papponi” conferma Ginny, pioniera operata a Londra più di trent’anni fa “oggi chiedono alle ragazze di mettersi su da travestiti”: sei una donna, d’accordo, ma cerca almeno di sembrare un uomo che vuole sembrare una donna…Vertiginoso! La trans del resto è un modello universale, valido anche per le comuni rifatte, quelle rispettabili signore tumefatte e zigomate che fanno shopping in via Condotti o su Park Avenue. Non è forse da travestito quella loro facies chirurgica, la stessa di tante opinioniste “zero tituli” dei nostri salotti tv? Qualcosa vorrà pur significare. Il trans oggi ha un’audience strepitosa: dopo Silvia, MtF -da uomo a donna- al Grande Fratello è la volta di un più raro FtM. E Maurizia Paradiso, che rivela a Pomeriggio 5 la sua prossima pater-maternità grazie all’utero della modella colombiana Francine… Ginny spiffera i nomi (irriferibili) di vari ricchi e famosi, abituali degustatori della specialità maschio-con-tette: a quanti tremeranno i polsi! E dice che questo andazzo è cominciato a metà anni Ottanta, con l’invasione dei viados brasiliani. O non è piuttosto che i viados sono accorsi a frotte per corrispondere a una domanda maschile emergente: giacere con uomini parzialmente adattati a donne? Tra i pochi disposti a parlarne –per il resto, omertoso, complice, imbarazzato silenzio- l’ex calciatore francese Éric Cantona, che in un’intervista ha ammesso: “La donna ideale potrebbe essere un travestito, perché ha un po’ di entrambi”. E su “Via Dogana”, periodico della Libreria delle Donne di Milano, Stefano Sarfatti Nahmad dice: “Comincio a credere che gli uomini che sono interessati al pieno godimento sessuale troveranno più facilmente quello che cercano scegliendo un rapporto omosessuale”. Ma forse non è tanto, riduttivamente, questione di essere o non essere gay. Traditi e abbandonati dalle donne, mortificati dalla loro autonomia, sfiniti dalla loro libertà e dalla loro voglia di stravincere, molti maschi regrediscono a un consolatorio “tra uomini”. Un mondo a cui le donne non hanno accesso: solo maschere di donne, come sulle scene del teatro medievale; solo pseudo-donne, a misura di un immaginario semplificato e un po’ autistico. Un’omosessualità spirituale e culturale che può contemplare anche un passaggio strettamente sessuale. Mi scrive, straordinariamente sincero, un lettore sul blog: “Il vero unico desiderio è vivere momenti di bel cameratismo con altri maschi… Anche il travestito ama esclusivamente il mondo maschile e ritiene che la sua “missione” sia dare amore ad altri maschi, di cui comprende le sofferenze profonde che nessuna donna potrebbe lenire”. Non varrebbe la pena di pensarci un po’ su? Dispensatrici di bellezza e di gioia, le donne hanno rinunciato per sempre a questa prerogativa divina? Valgono questo prezzo, i loro strepitosi guadagni? Per completezza d’informazione chiedo a Ginny, che ne ha viste e ne ha passate tante, che cos’ha capito in definitiva del sesso degli uomini: “Mah…” riflette. “Che ci pensano sempre. E che sono strani”.