Browsing Tag

annozero

Donne e Uomini, lavoro, Politica Gennaio 28, 2011

PROSTITUTA??? PREGO, ESCORT

Ieri sera ad Annozero, c’è anche Nadia Macrì. Come si sa, la giovane donna ha rivelato di essere stata pagata dal premier per svariati rapporti sessuali. Qualcuno, sia pure con garbo, e sempre chiamandola “signora”, allude al fatto che è una prostituta. Sul megascreen lei sobbalza, sinceramente indignata. L’interlocutore corregge: “… scusi, escort”.

E’ interessante questa differenza,  perché pur sempre di prostituzione -sesso in cambio di denaro- si tratta. Ma la ragazza la sentiva profondamente, intimamente, convintamente. Provo a decodificarla.

La prostituta è una sfigata, la escort una vincente. La prostituta in genere ha un pappone, la escort un agente. Se fai la prostituta fai quello e basta, il lavoro di escort invece può abbinarsi a qualcos’altro: ospitate in discoteca, incursioni in tv ecc., Quella di prostituta è una condizione perenne, uno stigma che non ti leverai mai, quella di escort è una variazione nello showbitz, un passaggio, una cosa temporanea, poi puoi “farti una famiglia, avere dei bambini” o piazzarti molto bene in carriera, in tv, o anche in politica. Nessuno augurerebbe alla propria figlia di fare la prostituta, ma un giro da escort si può fare: la mamma di Macrì dice che le dà “un po’ fastidio”, ma niente di più. E poi, certo, la prostituta va con tutti, la escort è solo per ricchi e famosi.

Continuate voi…

nadia macrì

Donne e Uomini Settembre 25, 2009

AHI, CONCITA…

Ieri sera ad Annozero, Concita De Gregorio, direttora dell’Unità: “E dato che sono l’unica donna presente… Essendo donna, mi tocca fare anche questa parte (ovvero parlare del fatto che nell’affaire Tarantini, le donne e la cocaina fanno parte di un unico pacchetto-offerta a scopo di pubbliche relazioni, eccetera).

Come dire: “Finora ho parlato a prescindere dal fatto di essere donna, nonostante il fatto che lo sono, ma essendolo, devo dire che…”. Come dire: in genere non parlo da donna -e da che cosa, allora?- ma essendo in aggiunta anche questo, mi tocca dire… Ma che cos’è quello che si è, prima di fare questa aggiunta? quando si è donne ma non se ne tiene conto?

Come dire: da donna, si può parlare -e fare- non tenendo conto del fatto di esserlo, oppure tenendone conto, a scelta, on-off. Ma quando una donna prescinde dal fatto di essere donna, quando non fa quella parte, accidenti, che cos’è?